top of page

melting media

ai margini della crisi climatica

L’immaginario stereotipato comunicato dai mass media globali in merito alle problematiche ambientali genera una situazione di forte scollamento rispetto alle situazioni che concretamente vengono affrontate nelle singole realtà locali. La nostra attenzione viene spesso veicolata verso questioni distanti da un interesse strettamente quotidiano, impedendoci di concepire realmente la crisi climatica come una problematica alla nostra portata e rendendoci spettatori passivi della minaccia. 
 

In occasione dell’edizione 2023 del Festival, abbiamo deciso di dar voce a questo “margine” comunicativo attraverso la mostra “Melting Media - Ai margini della crisi climatica”. L’esposizione si propone come un’indagine antropologica, emotiva e culturale che attraverso le opere racconta il territorio lainatese e dà voce a una quotidianità problematica non sempre considerata nei discorsi mediatici.
 

Grazie a un lavoro congiunto di riflessione sul tema e di indagine sul territorio, gli artisti coinvolti hanno cercato di rappresentare questo divario comunicativo. La ricerca ha infatti dato vita a quattro opere che, grazie a differenti prospettive, si fondono in un dialogo unico e allo stesso tempo duale in grado di mettere in luce quel confronto tra globale e locale, caposaldo della nostra narrazione.

Erica Bardi

Erica Bardi (Napoli, 1998) è una fotografa che vive e lavora a Milano. Studia pittura presso

l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, laureandosi nel 2021. Nello stesso anno si

iscrive al corso di Fotografia e Linguaggi della Comunicazione Visiva presso il Cfp Bauer,

terminando i corsi nel 2022 e iniziando uno stage presso la galleria Still Fotografia di Milano

sotto la direzione di Denis Curti. Ha esposto con l’associazione Centrale Fotografia (2021) e

Inverart – Padiglione d’arte giovane (2022), presso la galleria Still Fotografia di Milano

(2023) e il Liquida Photofestival (2023).

Erica-min.jpg
artisti
Valeriana-min.jpg

valeriana berchicci

Valeriana Berchicci, (Termoli, 1987) è un’artista che si interessa di pratiche relazionali legate alle sperimentazioni massmediali che fonde lo studio dell’immagine alla realizzazione di dispositivi artistici attraverso la fotografia, il video, l’istallazione correlate da ricerche accademiche.

La sua pratica sperimentale affonda le sue radici nello studio della semiotica, dell’estetica e della psicologia amplificata dall’uso dei mezzi di comunicazione di massa.

L’artista, in particolare attraverso il dispositivo Opera/Evento richiede un processo di lettura, d’interpretazione e conseguentemente d’azione da parte di un pubblico partecipe e dinamico, interessato ad analizzare la realtà con le sue complessità e contraddizioni. Il pubblico è l’oggetto principale del suo processo d’indagine, infatti esso viene chiamato

ad una reinterpretazione della realtà e di ciò che l’artista gli suggerisce, instaurando un processo che conduce ad un’analisi delle situazioni culturali e linguistiche nell’ambito sociale.

Valeriana Berchicci ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino e quella di Roma. Dal 2016 lavora con l’artista Antoni Muntadas. Nel 2015 ha realizzato un progetto con il dipartimento educazione del MAXXI. Tra il 2013 ed oggi ha esposto in diverse altre sedi Istituzionali nazionali e internazionali tra cui: MACRO; MAXXI; Casa delle Letterature, Temple University; Akademie der Bildended Kunste Nurnberg. Ha partecipato all’International Culture Forum 2018 all’Imperial Academy of Arts a San Pietroburgo e ha esposto in una mostra collettiva mostra collettiva collaterale alla 58^ Biennale di Venezia. Tra i suoi progetti: Lo Spiracolo e Cityscapes Museum: Museo digitale della memoria, da poco censito nella Digital Library Istituto Centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale del Ministero della Cultura Italiano.

@Bottimindtricks

Bottimindtricks

Il suo lavoro fa riferimento al risveglio di coscienza, risveglio come senso di responsabilità e impegno individuale, dovere etico cui ognuno di noi dovrebbe tenere nei confronti del futuro e della natura. Un invito a riflettere sui problemi che attanagliano il mondo.

Manifestare la realtà che vogliamo è estremamente importante. Ognuno dovrebbe porsi continuamente domande fondamentali mirate a mettere in discussione ciò che si è e le azioni che si decide di compiere nella vita. Ricercare la verità che faccia luce sul buio dell'ignoranza, intesa come indifferenza e disinteresse nei confronti dei problemi che riguardano il mondo.

La tecnica della xilografia è decisiva per l’artista: una forma di espressione in cui avviene un estremo trasferimento di energia con l’utilizzo di un pezzo di legno (o finto-legno) piallato, inciso e sgorbiato. La tecnica di stampa più arcaica risalente all’antico Egitto e dal lontano Oriente. 

L’intento dell’artista è cercare di far scaturire nell'osservatore delle domande riguardanti ogni aspetto della vita, per attivare un processo di ricerca della verità personale ed assoluta.

bottimindtricks è un artista di xilografia e uno stampatore, con una laurea specialistica in stampa dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha collaborato con “Subseri la stamperia sotterranea” e “Wellnesspressmilano” e, attualmente, è professore d’arte.

Davide-min.jpg
Sara e Valentina-min.jpg

Di valentina carnevali e sara zanoni

@_selvastudio

@vmicoll

@sara.zanoni_

selva studio

Sara e Valentina sono rispettivamente fotografa e set designer milanesi che lavorano nell’ambiente della moda e del design.

Nel 2022 hanno dato vita a Selva Studio, uno studio creativo specializzato in fotografia di still life, progetto nato dalla passione comune nella ricerca del bello e nella cura dei dettagli.

Entrambe sono accomunate da una forte voglia di sperimentare e un grande amore per la natura, elementi che caratterizzano i loro scatti.

ORARI

Ingresso libero

Tutti i giorni del Festival, dal 12 al 16 luglio, dalle 18:30 alle 00:30

EVENTO DI PRESENTAZIONE

Melting Media - ai margini della crisi climatica

Venerdì 14 luglio, ore 19, Spazio Talk Short, ingresso libero

Presentazione della mostra 2023 con gli artisti Erica Bardi, Valeriana Berchicci, bottimindtricks, Valentina Carnevali e Sara Zanoni e la Direzione Artistica e Organizzativa della Mostra

Fotografie di Armando Bonfanti

LogoShortOut.png
  • Vimeo
bottom of page